La maternità surrogata non è affatto una questione di risate.

textured do not enter signEnglish

La maternità surrogata non è uno scherzo per il pesce d’aprile. Non è affatto una questione di risate. È un grande business che sfrutta, usa, abusa, caccia e mercifica le donne.Trasforma i bambini in merce da progettare, selezionare e acquistare, facendo guadagnare profumatamente. E chi lo fa è disposto a combattere come un matto per proteggere i propri interessi economici.


Durante il giorno del pesce d’aprile 2018,  un sito tedesco LGBT è stato attaccato per aver annunciato l’intenzione di mettere a sorteggio, con una lotteria, una madre surrogata in Thailandia e un donatore di ovuli per una coppia gay. Hanno dichiarato che il “pacchetto” valesse più di 44.000 dollari americani. Immediatamente questa lotteria ha attirato l’attenzione su Twitter, dove è stata criticata per essere “insipido”, “razzista”, “sessista” , un tentativo estremamente poco divertente di scherzo di pesce d’aprile.

Julie Bindel, firmataria originale della petizione StopSurrogacyNow su Twitter:

“Quelli di noi che sono a conoscenza delle violazioni dei diritti umani coinvolti nella maternità surrogata, o meglio nel traffico di utero, saranno ben consapevoli che questo scherzo del cosiddetto pesce d’aprile si verifica nella vita reale, e l’atteggiamento è prevalente tra gli omosessuali che lo considerano il modo giusto di usare l’interno dei corpi di quelle donne a causa del loro disagio. Non esiste il “diritto” di avere il proprio figlio biologico o di usare il corpo di una donna povera e disperata che porta in grembo quel bambino …”

Lascerò rimarcare i suoi commenti, dato che ha usato parole forti riguardo a uomini gay che usano le donne come surrogati.

Il sito Gay news l’ha spinta presto a chiarire le sue considerazioni. Su Twitter ha risposto: “Viviamo in tempi in cui uomini gay privilegiati strumentalizzano la critica femminista di affittare gli uteri delle donne povere come”incitamento all’odio “e  ci tirano fuori “una vera e propria” notizia usando ” tali calunnie”.

Pieno di sdegno, il managing editor del sito web LGBT ha detto:

“I bambini surrogati sono un argomento controverso, quindi ci aspettavamo che qualcuno si indignasse.

La nostra battuta da pesce d’aprile è davvero sarcastica, ma non sessista o razzista. È risaputo che le coppie gay provenienti da paesi del mondo sviluppato con il desiderio di avere figli usano madri surrogate del terzo mondo e dei paesi emergenti.

Non metteremo mai in palio una vera madre surrogata, anche se alcuni utenti ci hanno creduto. Volevamo iniziare un dibattito sulla maternità surrogata, e credo che abbia funzionato.”

Dibattito? Quale dibattito?

Non c’è nessun dibattito reale sulla surrogata.

Questo breve scontro tra alcuni siti di notizie e su Twitter non è certamente stato un dibattito. Fidatevi di me: sarei il primo ad accogliere un serio dibattito pubblico sulla maternità surrogata. Ad essere brutalmente onesti, non c’è un vero dibattito sulla maternità surrogata né in America né altrove nel resto del mondo. Quello che sta avvenendo qui negli Stati Uniti è uno sforzo dello stato per far passare una legislazione che consenta la maternità surrogata commerciale. A livello internazionale, gli sforzi per legalizzare la maternità surrogata commerciale sono in corso in luoghi come l’Aia, le Nazioni Unite e in diversi governi nazionali. Una cosa che dovreste sapere con certezza è che tutti questi sforzi sono attentamente orchestrati e ben finanziati dall’industria della fertilità, dai loro lobbisti, avvocati e agenzie di gay per surrogazione come quella gestita da Sam Everingham “Families through Surrogacy” o il gruppo “Men having babies.”

Pochi sono probabilmente consapevoli del fatto che una legge sulla surrogazione commerciale è appena stata approvata nello stato di Washington e che il governatore Inslee l’ha firmata facendola diventare legge. Ho testimoniato in opposizione al disegno di legge in due udienze. La prima è stata presieduta dal membro del comitato del Senato che ha scritto il disegno di legge, un omosessuale che ha dei figli da maternità surrogata. La seconda udienza è stata presieduta da un membro del comitato che è lesbica. Per essere chiari, la mia posizione contro la maternità surrogata non ha nulla a che fare con pregiudizi rispetto agli omosessuali. La mia posizione è che nessuno ha il diritto di usare il corpo di una donna per avere un figlio. Punto. 

Lo Stato di New York e del New Jersey sono pronti a passare a simili proposte di legge per surrogate commerciali, e non si sta svolgendo un dibattito. Il disegno di legge di New York è stato creato e promosso da un altro senatore dello stato, gay che ha avuto figli tramite maternità surrogata. Mentre annunciava che il suo disegno di legge per la legalizzazione della maternità surrogata a New York era passato dopo la votazione del comitato, il senatore Brad Hoylman ha dichiarato: “siamo rimasti bloccati nei periodi bui riguardo la maternità surrogata.” Fa sembrare che la maternità surrogata sia una forma di liberazione delle donne.

Al contrario, questa è una proposta per entrare nell’età oscura della maternità surrogata, riportandoci a un’era di schiavitù femminile, creando una classe di allevamento a pagamento. Mentre sarebbe interessante elencare i paesi in cui le leggi sono state recentemente modificate per proibire la maternità commerciale o chiudere i confini ai non-cittadini che viaggiano per ingaggiare surrogate, e sarebbe molto più istruttivo e significativo esaminare il motivo per cui questi cambiamenti sono stati fatti.

La situazione a livello internazionale suscita preoccupazione

La Thailandia, per esempio, ha chiuso i suoi confini alla maternità commerciale dopo che è stato riferito il caso Baby Gammy. Il piccolo Gammy e sua sorella gemella sono nati da una madre surrogata in Thailandia, che era stata pagata da una coppia in Australia dove la maternità surrogata commerciale è illegale. I genitori volutamente lasciarono Gammy in Tailandia perché era nato con la sindrome di Down e non volevano un bambino con una disabilità. Successivamente è stato confermato che il padre designato è un molestatore di minori condannato in Australia. Le autorità finora si sono rifiutate di togliere la bambina dalle sue cure, ma hanno dato istruzioni affinché non gli fosse mai permesso di stare da solo con lei.

La maternità surrogata è stata vietata anche in NepalPerché? Perché le donne sono state sfruttate e i bambini sono stati lasciati in uno stato precario dopo il terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito il Nepal nell’aprile 2015. Il Nepal era diventato una destinazione per coppie gay provenienti da Israele (dove la maternità surrogata è consentita solo per coppie eterosessuali) che cercavano un “business” che gli consentisse di costruire le loro famiglie. Dopo il terremoto, il governo nepalese ha vietato la pratica, mossi dalle orribili foto di povere donne nepalesi che sono state lasciate lì circondate da rovine, mentre ricchi uomini israeliani gay si sono imbarcati sugli aerei con i loro bambini.

Potrei andare avanti all’infinito. Il punto è che la maternità surrogata è vietata e i confini sono stati chiusi in molti paesi perché hanno visto in prima persona il modo in cui la maternità surrogata danneggia donne e bambini.

Negli Stati Uniti, tuttavia, la maternità surrogata è commercializzata come atto amorevole e generoso da parte di un “angelo”. È questo il modo in cui viene commercializzata la donazione di ovuli. Nessuna preoccupazione viene tenuta in considerazione riguardo la salute e il benessere delle donne coinvolte. Ho scritto ampiamente su queste preoccupazioni in altri articoli. E non puoi sbgaliare: è pesantemente sponsorizzato con grandi, grandissime somme con lo scopo di minimizzare qualsiasi rischio o preoccupazione per i bisogni e gli interessi dei bambini.

Allo stesso tempo, qualsiasi opposizione – anzi, qualsiasi dubbio sul fatto che la maternità surrogata sia qualcosa di diverso dagli arcobaleni e dagli unicorni – viene rapidamente messa a tacere. Sono stato contattato da molte madri surrogate che sono state buttate fuori da bacheche o bandite dai gruppi di social media per aver persino menzionato che hanno avuto difficoltà o che si sono fermate a pensare a maggiori implicazioni della maternità surrogata su donne o bambini.

È arrivata l’ora di smascherare la grande fertilità

Uno dei primi passi nella lotta alla maternità surrogata, in particolare nel mondo occidentale sviluppato dai consumatori, è quello di smascherare la grande fertilità. La maternità surrogata è un grande business che muove miliardi di dollari in tutto il mondo ogni anno. Come settore in crescita, attira anche gli investitori che entrano in azione. Ecco come lo ha definito un rapporto:

Percependo un mercato redditizio, le società private di equità stanno riversando denaro nella costruzione di catene nazionali di cliniche per la fertilità. Alcuni stanno spendendo in spumeggiante pubblicità e con una deliberata strategia per raggiungere le giovani donne che non stanno ancora cercando di concepireAnche i venture capitalist stanno entrando nel business; solo quest’anno, PitchBook ha totalizzato oltre 178 milioni di dollari che sfociano nelle startup che sviluppano prodotti per la fertilità, come un test che promette un punteggio in termini di grado di fertilità di una donna.

La maternità surrogata è costosa, costa abitualmente ai genitori sei cifre. A volte può costare molto di più, dal momento che ogni tentativo non finisce necessariamente nella nascita di un bambino. Dove vanno a finire tutti quei soldi? Certamente, alcuni di essi vanno alla madre surrogata (generalmente $ 20.000- $ 35.000 negli Stati Uniti, molto meno nei paesi in via di sviluppo). Le madri surrogate non ricevono mai la maggior parte dei fondi. La verità è che vaste somme di denaro arrivano alle agenzie e agli avvocati che si occupano delle operazioni di maternità surrogata, nonché ai medici della fertilità e alle cliniche della fertilità.

Quando ci sono soldi da fare – in particolare in un campo che pretende di essere auto-regolato – ci sono sempre cattivi attori desiderosi di incassare. Theresa Ericson, un avvocato californiano di maternità surrogata che è stato condannato e mandato in prigione per aver guidato un giro  di compravendita di bambini, si definisce la “punta dell’iceberg, quando si tratta di persone che abusano del sistema”.

Quindi no, non c’è dibattito sull’etica della maternità surrogata. Quello che sta succedendo è che alcuni di noi, tristemente a corto di personale e sottofinanziati, stanno intraprendendo un’attività simile a Big Tobacco o Big Pharma, in stile Davide contro Golia.

La marernità surrogata non è uno scherzo per il pesce d’aprile. Non è affatto una questione di risate. È un grande business che sfrutta, usa, abusa, caccia e mercifica le donne.Trasforma i bambini in merce da progettare, selezionare e acquistare, facendo guadagnare profumatamente. E chi lo fa è disposto a combattere come un matto per proteggere i propri interessi economici.

Unitevi a me per smascherare la grande fertilità e educare gli altri, per aiutarmi a fermare la maternità surrogata ora. Firmate su www.StopSurrogacyNow.comInoltre i nostri films sono un modo facile e semplice per educare gli altri nella tua community.

#StopUteroInAffitto #NoMaternitàSurrogata #EndSlavery #StopSurrogacyNow

Image by Jack Fussell via flickr (CC BY-NC-ND 2.0)